Altamura (01/08/2015) Il GAL Terre di Murgia nel corso della programmazione 2007-2013 ha avviato una serie di attività incentrate sulla valorizzazione delle eccellenze agroalimentari del proprio territorio, con particolare riferimento ad una delle sue filiere portanti, quella cerealicola, che tra le produzioni di spicco annovera non solo il grano duro, materia prima basilare del pane DOP di Altamura, ma anche lenticchia. Le lenticchie verdi di Altamura, infatti, nel 2007 sono state inserite nell’elenco Nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali predisposto dal Mipaf. Presso il Ministero dello Sviluppo Economico è stato, inoltre, depositato il Marchio Collettivo, proprio a garanzia della qualità del prodotto. Inserita nel catalogo regionale dei prodotti tipici pugliesi, la lenticchia di Altamura, chiamata anche lenticchia gigante, è caratterizzata da un colore verde fieno e dalla ottima cucinabilità. Sul piano organolettico, questa varietà si distingue dalle altre per sentori erbacei e aromatici. Sul piano nutrizionale, si presenta ricca di ferro e di carboidrati, ma facilmente digeribile grazie alla presenza di molte fibre, sali minerali e vitamine. Il GAL Terre di Murgia è tra i soci costitutori dell’Associazione di Tutela e Valorizzazione della lenticchia, ed il suo direttore, Pasquale Lorusso, è stato nominato vice presidente della stessa. L’Associazione, presieduta dal professor Gerardo Centoducati, che riunisce circa 50 produttori, con la stesura di una bozza del disciplinare di produzione e lavorazione, ha così avviato il percorso per il conseguimento del prestigioso riconoscimento europeo IGP.

 

Maria Cristina Marvulli