MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

È situato in via Santeramo. Rappresenta il più importante museo statale del territorio. Nato nel 1964 per volontà dell’ABMC (Archivio Biblioteca Museo Civico) di Altamura, è stato poi ceduto allo Stato nel 1987 . La sua realizzazione è stata possibile anche grazie allo straordinario impegno di Fabio Perinei, nota figura politico locale, scomparso da qualche anno. Al primo piano del Museo è documentata l’evoluzione delle genti dell’Alta Murgia: dal giacimento di Lamalunga (luogo della scoperta dell’Uomo arcaico) al villaggio neolitico di Malerba. Esiste anche una sezione altomedievale dedicata al sito di Belmonte, nel quale è possibile ammirare reperti di altissimo valore.

ARCHIVIO BIBLIOTECA MUSEO CIVICO

abmc

Situato nell’ampia Piazza Zanardelli, all’interno del complesso che ospita il liceo classico “Cagnazzi”, è affiancato dall’imponente chiesa di San Domenico. Fortemente voluto, negli anni ’60, dal conte Celio Sabini, rappresenta oggi il più importante polo culturale della città. Vi si conserva un ricco patrimonio archivistico che conta pergamene medievali e libri di grande valore storico e una biblioteca composta da migliaia di volumi, consultata quotidianamente da studenti e studiosi per le loro ricerche. Di notevole interesse è il museo civico, il quale ospita dipinti di notevole valore, cimeli storici, alcuni dei quali molto preziosi. Tra tutti, il cosiddetto cofanetto limosino, un reliquario a smalto e rame dorato, tipico prodotto della oreficeria medievale di Limoges. Datato al XII secolo, custodiva qualche frammento della Croce di Gesù. Di grande interesse è la collezione di dipinti di Raffaele e Tina Laudati, pittori altamurani di fine ‘800, conosciuti e apprezzati a livello internazionale.

MUSEO ETNOGRAFICO DELL’ALTA MURGIA

museo etno

Trova la sua origine nel Museo della Civiltà Rurale fondato nel 1980 da Pietro Locapo. Il patrimonio museale è composto da un migliaio di oggetti, riferibili ad un periodo compreso tra gli ultimi decenni dell’800 e gli anni Sessanta del ‘900. Il museo propone al visitatori un viaggio nella civiltà contadina e pastorale dell’Alta Murgia. Decine gli oggetti, divisi per categoria, da quelli del settore agricolo e pastorale, a quelli della vita domestica e del mondo dell’artigianato e dei mestieri.

MUSEO DELL’ARTE TIPOGRAFICA “PORTOGHESE

tipografiaportoghese

La Tipografia Portoghese, fondata nel 1891 e chiusa nel 2000, conserva le macchine tipografiche di oltre un secolo, le pedaline, antichi tagliacarte, oltre ad una ricca collezione di clichés (stemmi comunali, simboli di partiti politici per schede elettorali, ecc.) e di caratteri mobili in legno e in piombo. Il museo venne inaugurato nel 2010 e svolge oggi interessanti attività didattiche volte al recupero dell’antica arte della stampa.